IL DOLLARO

dollaro - IL DOLLARO

Il Dollaro venne unanimemente scelto come unità monetaria degli Stati Uniti il 6 luglio 1785. Alla fine della guerra d’indipendenza americana, il Congresso continentale adottò per la valuta il sistema decimale. I primi dollari coniati negli Stati Uniti furono emessi dal governo federale a Philadelphia nel 1794 in seguito all’approvazione del Coinage Act del 1792, che istituiva due misure di valore: il dollaro d’argento e il dollaro d’oro (dal 1792 al 1873 il Dollaro era supportato liberamente da oro e argento, con un sistema chiamato Bimetallismo).

.

Quest’ultimo, una moneta molto piccola, fu coniato solo dal 1849 al 1889. Col tempo il contenuto d’argento e oro è stato variato. Una disposizione del Congresso del 1900 definì il dollaro d’oro l’unità monetaria degli Stati Uniti e fissò il valore delle banconote a corso legale in rapporto al dollaro d’oro. Attraverso una serie di cambiamenti legislativi avvenuti tra il 1873 e il 1900, l’importanza dell’argento fu via via diminuita fino all’adozione formale del gold standard. Il Gold Standardsopravvisse, con molte modifiche fino al 1974. Prima del 1934, per effetto del cosiddetto Gold Standard, la carta moneta statunitense era convertibile in monete d’oro; con la legge sulle riserve auree del 1934 la convertibilità fu abolita. Da allora in poi la moneta circolante, sia cartacea sia metallica, è stata del tipo fiduciario. Il dollaro americano ha ufficialmente subito diverse svalutazioni successivamente al 1934; durante gli anni Settanta il suo valore è diminuito bruscamente rispetto ad altre valute più stabili, mentre il prezzo dell’oro è aumentato. Dal 1986, tuttavia, si sono compiuti vari tentativi per ridurre l’enorme deficit commerciale statunitense abbassando il valore del dollaro rispetto ad altre valute, tentativi che hanno avuto particolare successo nei confronti del marco e dello yen. Il dollaro d’argento rimase in circolazione fino al 1965, allorché fu abbandonato poiché il valore del suo contenuto d’argento era superiore al valore nominale. A partire dal 1975, i cittadini americani furono autorizzati a possedere, comprare e vendere l’oro come un qualsiasi prodotto, benché le monete d’oro non potessero circolare come denaro corrente. Il dollaro è considerato la principale riserva valutaria internazionale, anche se esistono segni evidenti di un suo declino negli anni Novanta: attualmente, oltre il 60% delle riserve di valute estere globali è detenuto in dollari e oltre due terzi del commercio mondiale è fatturato in dollari.

CURIOSITA’:

Perché il DOLLARO è verde?

Il governo federale statunitense iniziò a emettere valuta, supportata dal Dollaro Spagnolo, durante la Guerra Civile americana. Queste banconote, conosciute come “greenbacks”per il loro colore, diedero inizio alla tradizione statunitense di stampare la valuta in verde. Contrariamente alle altre nazioni tutte le banconote statunitensi sono state stampate con lo stesso colore per la maggior parte del XX secolo. Le moderne banconote statunitensi, indipendentemente dalla denominazione, misurano 6,63 cm. in larghezza, 15,6 cm. in lunghezza e 0,11 mm. in spessore. Il 13 maggio 2003, il Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato l’introduzione di una banconota da 20$ a colori (la prima dal 1905). La scelta è dettata dalla necessità di contrastare la crescente contraffazione. Le nuove banconote sono entrate in circolazione il 9 ottobre 2003. Altre banconote da 50$ e 100$ verranno introdotte nel 2004 e 2005, ognuna con differenti schemi di colori.

Il Nome Dollaro

Nome dell’unità monetaria di diversi paesi, tra i quali Australia, Canada, Hong Kong, Nuova Zelanda, Singapore, Stati Uniti. Il termine deriva dall’antico tedesco daler o taler, nome di una moneta d’argento coniata nel 1519 in Sassonia. Il dollaro per antonomasia è quello statunitense, che derivò il suo nome da un’altra moneta d’argento, il peso duro, o doleras, coniata in Spagna e utilizzata nelle colonie spagnole e nel Nord America anche dai coloni inglesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.